Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Dicembre 2012 - Avviso di gara

Ultimo aggiornamento 21/03/2018


Pubblicazione: 06/12/2012


Contenuto:

Gara lavori sostituzione rete gas in ghisa e acciaio non protetto Comune di Firenze 2013

Gara di appalto per l’affidamento dei sostituzione rete gas in ghisa e acciaio non protetto con tubazioni in polietilene nel Comune di Firenze 2013 - rif. aziendale 193/2012.

Data di trasmissione dell’avviso di gara alla Commissione della Comunità Europea: 7 dicembre 2012 – pubblicato su GUCE 2012/S 239-394533.

Risposte ai quesiti 

Quesito n. 1 (inserito in data 19/12/2012) 
Con riferimento al quesito posto in merito ai requisiti di partecipazione previsti dal bando di gara al punto III.2.3, si precisa quanto segue:
i lavori oggetto della procedura di gara in questione attengono ad attività espletate da Toscana Energia S.p.A. nell’ambito dei cosiddetti “settori speciali” di cui alla parte III del Codice dei Contratti Pubblici.
Toscana Energia opera infatti in tali settori, essendo un soggetto che si occupa della distribuzione del gas metano.
In fase di espletamento delle procedure di gara, ed in particolare di quelle soprasoglia comunitaria, Toscana Energia – proprio in virtù della sua natura di soggetto operante in tale specifici settori - può prevedere, ai fini della qualificazione dei soggetti concorrenti, requisiti aggiuntivi rispetto a quelli minimi necessari.
Nel caso di cui trattasi (appalto di lavori di sostituzione della rete gas metano in ghisa e acciaio non protetto con tubazioni in polietilene, rifacimento allacciamenti, riallacci prese e opere di attivazione condotte nel Comune di Firenze), il bando di gara stabilisce, oltre alla attestazione SOA, un requisito ulteriore relativo ai lavori analoghi (costruzione e/o sostituzione reti gas metano) eseguiti nell’ambito della distribuzione gas metano nel triennio antecedente la pubblicazione del bando stesso.
Tale requisito ulteriore non può ritenersi “assorbito” dalla attestazione SOA di cui al punto III.2.3 lett. a) del Bando di gara e deve quindi essere necessariamente posseduto – secondo le modalità riportate nel bando di gara e disciplinare di gara - al fine della partecipazione alla gara.”

Quesito n. 2 (inserito in data 21/12/2012) 
Con riferimento ai quesiti posti in merito ai lotti di gara e alla cauzione provvisoria, si precisa quanto segue:
1) L'appalto in questione è suddiviso in numero cinque lotti uguali di importo ciascuno pari ad Euro 2.500.000,00 (di cui Euro 79.312,90 per oneri di sicurezza). Per tali lotti non è stabilita, in fase di gara, una precisa territorialità di riferimento; tra i documenti tecnici è stata inserita a titolo indicativo una planimetria del territorio complessivo, nell'ambito della quale ciascuna impresa affidataria potrà essere chiamata ad operare. L'impresa affidataria di un lotto sarà infatti chiamata ad eseguire le proprie prestazioni nell'ambito del territorio del Comune di Firenze sulla base di una programmazione di dettaglio che sarà concordata dalla Toscana Energia con l'Amministrazione Comunale competente (come previsto nello Schema di contratto all'art. 2).
2) Per quanto concerne la cauzione provvisoria, come previsto al punto III.1.1 del Bando di gara e al punto 1.2 lett. E del Disciplinare di Gara, deve essere presentata una sola cauzione - con le modalità previste nei citati documenti- pari al 2% dell'importo a base di gara del singolo lotto e cioè Euro 2.500.000,00.

Quesito n. 3 (inserito in data 21/12/2012) 
Con riferimento al quesito posto in merito al requisito di partecipazione previsto dal punto III.2.3, lett.c) del bando di gara, si precisa quanto segue:
Il requisito previsto dall'art. 2, co.I, lett. c), D.P.R. n. 177 del 14 settembre 2011 in tema di qualificazione delle imprese operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, si intende riferito esclusivamente al personale riconducibile al ramo di azienda deputato allo svolgimento di tali attività. Pertanto, il personale che presta la propria opera in un ramo di azienda diverso da quello sopraindicato, potrà essere non considerato ai fini del calcolo delle percentuali individuate dalla disposizione citata.

Quesito n. 4 (inserito in data 09/01/2013)
in riferimento al quesito posto in merito al requisito di cui al punto III.2.3 lett. b) del Bando di gara, si evidenzia quanto segue:
il requisito in questione attiene a lavori analoghi a quelli di gara: come previsto al citato punto III.2.3 lett. b) del Bando di gara, essi sono riconducibili alla costruzione e/o sostituzione reti nell’ambito della distribuzione gas metano, cioè nell’ambito del servizio di distribuzione di gas naturale di cui al D.lgs. 164/2000 (cosiddetto Decreto Letta). Esso definisce la distribuzione come “il trasporto di gas naturale attraverso reti di gasdotti locali per la consegna ai clienti”, conferendo alla medesima il carattere di servizio pubblico.
La costruzione di “impianti di distribuzione metano” (erogatori di metano per autotrazione) nell’ambito della realizzazione dei punti vendita di carburanti stradali e autostradali non sembra attenere ad attività rientranti nella definizione suddetta. Pertanto si ritiene che tali lavori non possano essere fatti valere per la dimostrazione del requisito in questione.

Quesito n. 5 (inserito in data 16/01/2013)
La partecipazione alla procedura di gara in oggetto implica la presentazione della relativa offerta per tutti i 5 lotti indicati, come indicato al punto 1.3 del Disciplinare di Gara.
Pertanto, non è consentita la partecipazione dei concorrenti ad un singolo lotto ed i concorrenti dovranno far pervenire un unico plico contenente la documentazione di ammissione (un modello di cui alla lettera A, un modello di cui alla lettera B, un modello di cui alla lettera F, una cauzione di cui alla lettera E con importo pari ad un solo lotto, 5 ricevute di versamento di cui alla lettera G, ferma restando la restante documentazione di cui alle altre lettere del punto 1.2) e l’offerta economica.
Resta inteso che la documentazione di ammissione e l’offerta economica dovranno essere inserite in buste separate.

Quesito n. 6 (inserito in data 18/01/2013)
Con riferimento alla definizione dei lavori analoghi a quelli di gara, come indicato al citato punto III.2.3 lett. b) del Bando di gara, essi sono riconducibili alla costruzione e/o sostituzione reti nell’ambito della distribuzione gas metano, cioè nell’ambito del servizio di distribuzione di gas naturale di cui al D.lgs. 164/2000 (cosiddetto Decreto Letta). Esso definisce la distribuzione come “il trasporto di gas naturale attraverso reti di gasdotti locali per la consegna ai clienti”, conferendo alla medesima il carattere di servizio pubblico.
I lavori per posa reti di teleriscaldamento non sembrano attenere ad attività rientranti nella definizione suddetta. Pertanto, si ritiene che tali lavori non possano essere fatti valere per la dimostrazione del requisito in questione.

Quesito n. 7 (inserito in data 21/01/2013)
In riferimento al quesito posto in materia di subappalto, si evidenzia che il bando di gara non dispone il divieto di subappalto nei confronti delle imprese che abbiano partecipato alla gara.

Quesito n. 8 (inserito in data 21/01/2013) 
In riferimento ai quesiti posti in merito al possesso del requisito di cui al punto III.2.3 lett. b) del Bando di gara si evidenzia quanto segue:
1) Relativamente al possesso del requisito di cui al punto III.2.3 lett. b) del Bando di gara, in fase di offerta occorre dichiarare il possesso del requisito in questione secondo le modalità previste nel Disciplinare di Gara. In caso di aggiudicazione provvisoria, secondo quanto previsto nel citato disciplinare, verrà richiesto di produrre tutta le necessaria documentazione al fine della comprova di quanto dichiarato in sede di offerta ed in particolare: presentazione di certificato di esecuzione dei lavori (nel caso di amministrazioni o enti) ovvero una dichiarazione (soggetti privati) rilasciati dal soggetto destinatario della prestazione resa, attestanti il buon esito dei lavori stessi.
2) Relativamente al periodo di riferimento del requisito anzidetto, come stabilito dal bando di gara esso deve intendersi riferito al triennio antecedente la data di pubblicazione del bando stesso e quindi riferito ai tre anni antecedenti la data del 12-12-2012.


Download





Sede Legale:
P.zza E. Mattei n° 3
50127 Firenze
Tel. 055 43801
Fax 055216390
info@toscanaenergia.it
toscanaenergia@pec.it
Sede Amministrativa:
Via Bellatalla n° 1, Loc. Ospedaletto
56121 Pisa
Tel. 050 848111
Fax 050 9711258