Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Ottobre 2016 - Avviso di gara

Ultimo aggiornamento 21/03/2018


Pubblicazione: 28/10/2016


Contenuto:
Procedura di gara aperta per l'affidamento delle attività su misuratori all’interno delle singole unità territoriali di Toscana Energia S.p.a..   

Data di trasmissione dell’Avviso di gara alla Commissione della Comunità Europea: 25 ottobre 2016.

ERRATA CORRIGE (inserito in data 29.11.2016)
 
Con riferimento al paragrafo 2, lett. B) del disciplinare di gara, la formula evidenziata nel terzo capoverso, riguardo il punteggio da attribuire ai concorrenti che non hanno formulato il ribasso migliore, è la seguente (Ri/Rm)*60 anziché  (Rm/Ri)*60, come indicato per errore materiale.

QUESITO n. 1 - (inserito in data 07.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“… Con la presente si vuole chiedere informazioni sul numero di contatori da sostituire e sul listino prezzi relativo alle lavorazioni indicate in oggetto, in modo da formulare giusta offerta…”
 
si evidenziano i seguenti chiarimenti:
  1. Il Disciplinare tecnico per attività di sostituzione massiva contatori G 4 – G 6, paragrafo 5.1, pag. 10, descrive il Programma di sostituzione contatori nel triennio 2017-2019;
  2. Le attività saranno compensate ai sensi dell’Elenco prezzi per attività su contatore Gas 2016 ed 1/16.
QUESITO n. 2 - (inserito in data 07.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“… con la presente siamo a sottoporre i seguenti quesiti:
 
- Al fine di certificare l’esperienza dell’impresa esecutrice, si richiede di meglio specificare se tale esperienza è riferita solamente ad attività sui contatori (quali sostituzioni massive), oppure è possibile certificare anche la posa dei soli contatori su nuove installazioni (non in gas e non massive);
 
- Contemporaneamente avremmo necessità di sapere se tale esperienza è certificabile anche per altre tipologie di contatori (idrici ed elettrici) per attività massive o programmate.…”
 
si evidenziano i seguenti chiarimenti:
  1. I lavori analoghi, ai sensi del paragrafo 1.2, lett. C del Disciplinare di gara, devono essere intesi con espresso riferimento alle singole attività che, in concreto, dovranno essere svolte dagli aggiudicatari. Pertanto, prevedendo l’attività la chiusura dell’erogazione del servizio gas, la sostituzione del singolo contatore, la prova di tenuta dei raccordi ubicati nel vano contatore (misuratore compreso) e l’assistenza agli utenti nella fase di riattivazione del servizio, i lavori analoghi dovranno essere riferiti esclusivamente alla posa di contatori in gas, anche se non massiva;
  2. I lavori analoghi devono riferirsi unicamente a misuratori posati su impianti gas e non ad altri ambiti, quali quelli idrici o elettrici.
QUESITO n. 3 - (inserito in data 07.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… La scrivente in merito al requisito di Capacità Tecnica punto III.2.3) lettera b) chiede come può essere soddisfatto in caso di A.T.I …”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Premesso che la relativa risposta sottintende indicazioni in ordine alle modalità di partecipazione alla gara, le quali sono stabilite nell’avviso di gara e nel relativo disciplinare, cui si rimanda, si precisa che, in merito al punto III.2.3), lettera b) dell’avviso di gara, gli eventuali raggruppamenti temporanei di soggetti interessati alla partecipazione ai lotti in gara, dovranno possedere, nel loro complesso, i sopra indicati requisiti.
Pertanto, i singoli componenti il raggruppamento, nel caso di raggruppamento di tipo orizzontale, dovranno possedere il sopra indicato requisito in proporzione alla loro quota di esecuzione.

QUESITO n. 4 - (inserito in data 09.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“… con la presente desideriamo sottoporre alla Vs. attenzione due quesiti relativi alla procedura di cui in oggetto:
 
Cfr. Avviso di gara punto III. 2.3 Capacità Tecnica “Informazioni e formalità necessarie per valutare la conformità ai requisiti: i concorrenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
  1. Attestazione rilasciata da società di attestazione (SOA) di cui al DPR 207/2010 e s.m.i. e i. regolarmente autorizzata, in corso di validità, che documenti il possesso della qualificazione in categorie e classifiche adeguate ai lavori da assumere, ai sensi dell’art. 92 D.P.R. 207/2010 Lotto 2) OG6 classifica V; lotto 2 OG6 classivica V.
Disciplinare di gara punto C. “A pena di esclusione, dichiarazione preferibilmente redatta secondo l’allegato Modello 2. Tale dichiarazione, con timbro dell’impresa, deve essere sottoscritta dal Legale Rappresentante o da un suo procuratore (e siglata in ogni pagina), riportante quanto segue: dichiarazione in merito ai principali lavori analoghi a quelli oggetto di gara eseguiti nel triennio antecedente la data di pubblicazione dell’Avviso di gara (25 ottobre 2013 – 24 ottobre 2016), ai fini della attestazione del possesso del requisito di cui al punto III.2.3 lett. b) dell’Avviso di gara”.
 
Considerato che all’interno del disciplinare di gara non viene indicato il certificato SOA fra i documenti dell’elenco previsto al punto 1.2 “DOCUMENTAZIONE DI AMMISSIONE”, si chiede di voler cortesemente precisare se il possesso di tale requisito (SOA OG6 Classe V) sia o meno necessario al fine della ammissione alla procedura di gara e, in caso positivo, se detto certificato debba essere prodotto unitamente alla restante documentazione amministrativa. 
 
Si chiede, inoltre, considerato che l’avviso di gara prevede che la SOA sia “in corso di validità” se sia coerente con i requisiti previsti per la partecipazione, il possesso di certificato SOA OG6 classe V in corso di validità al momento della scadenza della procedura di gara, ovvero al 30.11.2016.…”
 
si evidenziano i seguenti chiarimenti:
 
  1. Ai sensi del punto III.2.3), lett. a) dell’avviso di gara, è necessario che i concorrenti, al fine di poter validamente partecipare alla procedura di gara, siano in possesso di attestazione SOA categoria OG6, classifica V. Non è altresì necessario che i concorrenti producano la relativa attestazione, nella documentazione di ammissione, in quanto il possesso attuale di tale requisito, può essere autonomamente verificato dall’ente aggiudicatore;
  2. Si precisa che l’attestazione SOA in corso di validità deve essere posseduta non soltanto alla data di scadenza della presentazione dell’offerta, ma anche successivamente, in caso di aggiudicazione delle attività in gara, al fine di poter svolgere legittimamente le relative prestazioni. Infine, si ricorda che in relazione all’efficacia dell’attestazione si applica l’art. 76, co. V, DPR 207/2010.
QUESITO n. 5 - (inserito in data 09.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… Rileviamo sull’avviso di gara in oggetto, al punto III.2.3 lettera a CAPACITA’ TECNICA, la richiesta di attestazione SOA (OG6 classifica V).
Con molto rispetto ci corre l’obbligo di evidenziare che i lavori oggetto della gara si riferiscono ad attività al PDR (utente finale).
La nostra azienda da decenni lavora con il gruppo Italgas ed altre primarie committenti come 2Irete gas , e pur non essendo in possesso della certificazione SOA ha svolto e svolge le stesse attività oggetto della gara.
Detto ciò formuliamo la richiesta di poter partecipare dimostrando con certificazioni e contratti riferiti agli anni da voi richiesti come vero documento di lavori eseguiti.
La richiesta di SOA è una discriminante nei confronti di molte aziende di servizi che da anni operano sui servizi oggetto della gara.…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Si conferma, ai sensi del punto III.2.3), lett. a) dell’avviso di gara, la necessità che i concorrenti, al fine di poter validamente partecipare alla procedura di gara, siano in possesso di attestazione SOA categoria OG6, classifica V.  
In ogni caso, si ricorda che nei casi di carenza di risorse di natura economica, finanziaria e/o tecnica-organizzativa, per l’esecuzione dei lavori previsti in appalto, sarà sempre possibile utilizzare, per le imprese concorrenti, l’istituto dell’avvalimento come disciplinato dall’art. 89, D.Lgs. 50/2016.

QUESITO n. 6 - (inserito in data 15.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… Si chiede un chiarimento in riferimento a quale Legge si intende per la seguente frase presente al punto  III.1.3.b dell’avviso di gara:“… punto III.2.3 lett. A) e b) devono essere posseduti dalla mandataria e dalle mandanti nelle misure di legge.”…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Le norme di riferimento sono costituite dal D.Lgs. 50/2016, in particolare dall’art. 48.

QUESITO n. 7 - (inserito in data 21.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… in caso di ATI, è ammissibile una compagine formata da un consorzio in qualità di capogruppo (che possiede i requisiti di cui III 2.3) lettera B e una SOA OG6 in III) in ATI con altra azienda (in qualità di mandante – che possiede il requisito di cui III.2.3 lettera A con una SOA OG6in V…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Premesso che la relativa risposta sottintende indicazioni in ordine alle modalità di partecipazione alla gara, le quali sono stabilite nell’avviso di gara e nel relativo disciplinare, cui si rimanda, si precisa che, in merito al punto III.2.3), lettere a) e b) dell’avviso di gara, gli eventuali raggruppamenti temporanei di soggetti interessati alla partecipazione ai lotti in gara, dovranno possedere, nel loro complesso, i sopra indicati requisiti.
Pertanto, i singoli componenti il raggruppamento, nel caso di raggruppamento di tipo orizzontale, dovranno possedere i sopra indicati requisiti in proporzione alla loro quota di esecuzione, tenendo conto, in ogni caso, di quanto previsto al punto III.1.3) dell’avviso di gara, in ordine al possesso dei requisiti nelle misure di legge da parte della mandataria e delle mandanti.

QUESITO n. 8 - (inserito in data 21.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… si chiede conferma circa la possibilità di subappaltare le attività oggetto di gara, nella misura prevista dalla normativa in materia, poiché nel disciplinare né sul bando GUCE, non risulta menzionata tale opzione. 
Si chiede inoltre se, in caso di risposta affermativa, si debba già da ora specificare i nominativi della terna dei subappaltatori e produrre quindi in sede di gara, le dichiarazioni degli stessi di cui all’art 80 del D.LGS 50/2016…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Il subappalto per le attività oggetto di gara non è consentito.

QUESITO n. 9 - (inserito in data 21.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“…1. Disciplinare, Lettera D - garanzia provvisoria
- Si chiede di confermare che per l’impresa in possesso di certificazione UNI CEI ISO 9000 e di certificazione ambientale UNI EN ISO 14001, l’importo della cauzione a garanzia dell’offerta di cui  art. 93, e della cauzione definitiva in caso di aggiudicazione di cui  art. 103,  possa essere  ridotto  del 70%.
- Si chiede di confermare che  l’importo della cauzione provvisoria è di  € 33.300,00, nel caso di possesso di entrambe le certificazioni di cui al quesito precedente.
2. Capacità Tecnica, punto III.2.3) Lettera c) del Bando di Gara
E’ richiesto il possesso dei requisiti di cui all'art. 2 del D.P.R. 177 del 14.9.2011 in materia di qualificazione delle imprese operanti in ambienti sospetti di inquinamento e luoghi confinati.
- Si chiede conferma che, in caso di comprova del requisito sopra esposto, sia sufficiente fornire gli attestati del personale abilitato ad operare in ambienti sospetti di inquinamento e luoghi confinati.
- Si chiede conferma che il personale abilitato come sopra richiesto potrà essere impiegato solamentenei luoghi che la Committente riconoscerà come ambienti sospetti di inquinamento/luoghi confinati. Negli altri casi invece saranno impiegati anche tecnici non abilitati.…”
 
si evidenziano i seguenti chiarimenti:
  1. Premesso che la relativa risposta sottintende indicazioni in ordine alle modalità di partecipazione alla gara, le quali sono stabilite nell’avviso di gara e nel relativo disciplinare, cui si rimanda, si rinvia a quanto prescritto dagli artt. 93,  co. VII e 103, co. I, D.Lgs. 50/2016.
  2. Come stabilito dal punto III.2.3), lettera c) dell’avviso di gara, il concorrente, al fine di poter validamente partecipare alla procedura di gara, deve essere in possesso dei requisiti di cui all'art. 2 del D.P.R. 177 del 14.09.2011. Pertanto, ove il concorrente risulti aggiudicatario di un lotto, dovrà dimostrare compiutamente il possesso, tra gli altri, del requisito di partecipazione sopra indicato, che ricomprende tutti i punti elencati all’art. 2, co. I, lettere da a) ad h).
QUESITO n. 10 - (inserito in data 21.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“…con riferimento alla indicazione nell’offerta tecnica dell’esperienza specifica per le attività di sostituzione contatori, al fine di una corretta imputazione per il punteggio tecnico, si chiede di sapere quali anni vanno presi in considerazione per le attività di cui sopra…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Ai sensi del paragrafo 1.3.1 del disciplinare di gara, il concorrente deve indicare gli l’esperienza specifica nelle attività oggetto di gara. In particolare, tale dato dovrà essere ricavato dagli anni indicati nei certificati di esecuzione delle prestazioni o nelle dichiarazioni dei committenti, con riferimento ai lavori analoghi a quelli oggetto di gara, effettivamente eseguiti.

QUESITO n. 11 - (inserito in data 23.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… Capacità Tecnica, punto III.2.3) Lettera b) del Bando di Gara
Esecuzione, nel triennio antecedente la data di pubblicazione del presente avviso (25.10.2013-24.10.2016), di lavori analoghi a quelli oggetto di gara attività su misuratori, per un importo complessivo non inferiore a 1.000.000 EUR.
Si richiede se tra i lavori analoghi richiesti al punto III.2.3) sopra specificato si possano considerare anche le installazioni massive di convertitori per gas metano.…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Come già chiarito in precedenza, i lavori analoghi, ai sensi del paragrafo 1.2, lett. C del Disciplinare di gara, devono essere intesi con espresso riferimento alle singole attività che, in concreto, dovranno essere svolte dagli aggiudicatari. 
Pertanto, considerato che le installazioni massive di convertitori per gas metano prevedono, in genere, la sospensione della fornitura gas al cliente finale, al fine di poter effettuare le modifiche (alla diramazione di ingresso al contatore) necessarie per la corretta installazione del convertitore elettronico, tale attività, in quanto realizzata con le sopra indicate caratteristiche, può essere validamente  riconosciuta quale lavoro analogo.
 
QUESITO n. 12 - (inserito in data 23.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… con la presente desideriamo sottoporre alla Vs. cortese attenzione un quesito relativo alla procedura di cui in oggetto:
Cfr. punto D Disciplinare di gara Cauzione provvisoria e punto 2 Procedure di aggiudicazione ove si precisa che “I concorrenti possono risultare aggiudicatari esclusivamente di una solo lotto, in qualsiasi forma si presentino, in quanto si ritiene che l’attività a base di gara non possa essere efficacemente e validamente assicurata da un unico operatore economico per più di un lotto, considerata la loro estensione territoriale e la peculiare tipologia di attività richiesta. Pertanto, il concorrente he risultasse aggiudicatario, singolarmente o in forma raggruppata, di un lotto non potrà essere aggiudicatario dei successivi, in qualsiasi forma si presenti e, quindi, non verrà preso in considerazione per la loro aggiudicazione”.
Si chiede di voler cortesemente confermare che, ai fini della partecipazione ad entrambi i lotti della procedura di gara sia necessaria una sola cauzione provvisoria dell’importo del 2% del totale di un solo lotto (riducibile ai sensi del nuovo codice)…”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Ai sensi del punto III.1.1) dell’avviso di gara, l’importo della garanzia provvisoria, da produrre per la valida partecipazione alla procedura di gara, dovrà essere pari ad € 111.000,00, fatta salva l’applicazione dell’art. 93, co. VII, D.Lgs. 50/2016, come espressamente previsto dal punto 1.2, lett. D del disciplinare di gara.
In ogni caso, si ricorda che la garanzia deve riportare il riferimento ad entrambi i lotti in gara.

QUESITO n. 13 - (inserito in data 23.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“… 1) Ai fini della valutazione della produttività giornaliera, si è a chiedere se il sistema informativo adottato dalla Committenza impone un limite sul numero di contatori sui quali giornalmente si può operare oppure se, viceversa, l’impresa è libera di organizzare gli interventi in base alla propria produttività.
2) Con riferimento all’elaborato Elenco prezzi per attività su contatore, in particolare alla voce 8210 – INTERVENTI DI INTERRUZIONE DELLA FORNITURA, si chiede se gli oneri della sicurezza siano da considerarsi compresi nei prezzi indicati alla pagina 12 e a quanto ammontano.
3) 
Con riferimento all’elaborato Elenco prezzi, pag 4 in cui è citata l“Appendice Materiali”  si chiede copia di detto appendice non riscontrata nella documentazione di gara...”
 
si evidenziano i seguenti chiarimenti:
  1. In relazione al numero giornaliero dei misuratori da sostituire, non sussistono limiti imposti dagli applicativi. In ogni caso, si ricorda che i volumi delle sostituzioni sono legati alla pianificazione mensile, come preventivamente concordata, ed all’invio delle comunicazioni ai clienti finali, che deve essere effettuato entro 30-45 giorni dall’intervento. Resta fermo che la pianificazione mensile può essere oggetto di rivisitazione, da effettuare sempre in contraddittorio con la committente.
  2. Le attività elencate nella voce 8210 -Interventi di interruzione della fornitura, non sono oggetto di appalto.  Si conferma che le attività oggetto di appalto sono esclusivamente quelle indicate alla voce 82090.. – Sostituzione programmata contatori, riportata nelle pagg. 10 e 11 dell’Elenco prezzi.
  3. Si comunica che l’indicazione “Appendice Materiali” è un refuso di stampa.
QUESITO n. 14 - (inserito in data 24.11.2016)
 
“…Capacità Tecnica, punto III.2.3) Lettera c) del Bando di Gara E’ richiesto il possesso dei requisiti di cui all'art. 2 del D.P.R. 177 del 14.9.2011 in materia di qualificazione delle imprese operanti in ambienti sospetti di inquinamento e luoghi confinati.
Si chiede se tali requisiti devono essere posseduti anche dall'impresa cooptata, e se gli stessi requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del bando di gara o alla data dell'eventuale richiesta di comprova...”
 
si evidenziano il seguente chiarimento:
 
Il requisito di cui all’art. 2 del D.P.R. 177 del 14.09.2011 essendo attinente la sicurezza dei luoghi pericolosi o confinati lo deve possedere anche la cooptata, così come le altre associate, quindi al momento dell’offerta, senza differenziare tra associate il momento di sussistenza del requisito

QUESITO n. 15 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… Subappalto: tra i documenti di gara non abbiamo trovato nessun riferimento al Subappalto. Si chiede pertanto se sia ammesso il subappalto e se sia necessario indicare in gara la terna di subappaltatori...”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Si rimanda a quanto indicato in risposta al quesito 8, pubblicato in data 21.11.2016.

QUESITO n. 16 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“… si chiede se l’OFFERTA TECNICA, punto 1.3 del Disciplinare di Gara, in caso di costituenda ATI debba essere presentata da tutte le imprese partecipanti oppure soltanto un modello a firma di tutte le imprese costituenti l’ATI. ...”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
Considerato che l’offerta tecnica è espressione del concorrente (singolo o riunito in raggruppamento), l’offerta tecnica dovrà essere unica e sottoscritta, in caso di raggruppamento, da tutti i componenti.
 
 QUESITO n. 17- (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“…Relativamente alla compilazione del DGUE, da allegare tra i documenti amministrativi di ammissione e in particolare ai fini della compilazione richiesta dal bando della parte IV Punti C3, C7, C8, C9, C13 sottoelencati si chiede se siano previsti dei requisiti minimi.
 
C3: Utilizza le seguenti attrezzature tecniche e adotta le seguenti misure per garantire la qualità e dispone degli strumenti di studio e ricerca indicati di seguito:
C7: L'operatore economico potrà applicare durante l'esecuzione dell'appalto le seguenti misure di gestione ambientale:
C8 L'organico medio annuo dell'operatore economico e il numero dei dirigenti negli ultimi tre anni sono i seguenti:
C9: Per l'esecuzione dell'appalto l'operatore economico disporrà dell'attrezzatura, del materiale e dell'equipaggiamento tecnico seguenti:
  1. C13: Per quanto riguarda gli eventuali altri requisiti tecnici e professionali specificati nell'avviso o bando pertinente o nei documenti di gara, l'operatore economico dichiara che Ai fini della valutazione della produttività giornaliera, si è a chiedere se il sistema informativo adottato dalla Committenza impone un limite sul numero di contatori sui quali giornalmente si può operare oppure se, viceversa, l’impresa è libera di organizzare gli interventi in base alla propria produttività.
  2. Con riferimento all’elaborato Elenco prezzi per attività su contatore, in particolare alla voce 8210 – INTERVENTI DI INTERRUZIONE DELLA FORNITURA, si chiede se gli oneri della sicurezza siano da considerarsi compresi nei prezzi indicati alla pagina 12 e a quanto ammontano.
  3. Con riferimento all’elaborato Elenco prezzi, pag 4 in cui è citata l“Appendice Materiali”  si chiede copia di detto appendice non riscontrata nella documentazione di gara.:...”
si evidenzia i seguenti chiarimenti:
  1. Non vi sono requisiti minimi.
  2. Per i quesiti 1) 2) 3) si rimanda a quanto indicato in risposta al quesito 17 pubblicato in data 23.11.2016.
QUESITO n. 18 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“…Con espresso riferimento al Punto III.2.3 lettera b) dell’Avviso di Gara  che recita: “Esecuzione, nel triennio antecedente la data di pubblicazione del presente avviso (25.10.2013-24.10.2016), di lavori analoghi a quelli oggetto di gara attività su misuratori, per un importo complessivo non inferiore a 1.000.000 Eur”ed al Paragrafo 2 – Procedure di Aggiudicazione – Criterio di Aggiudicazione - lettera B) “OFFERTA ECONOMICA” secondo capoverso del Disciplinare di Gara che recita fra l’altro in merito al Punto III.2.3 lettera b) dell’Avviso di Gara:  “…………… In particolare, per la dichiarazione in ordine ai lavori analoghi…………………… dovrà essere prodotto il certificato di esecuzione delle prestazioni ovvero una dichiarazione rilasciata dal soggetto destinatario della prestazione resa, attestante il buon esito dei lavori stessi ed il loro periodo di esecuzione”
si chiede:
Cosa s’intende “certificato di esecuzione delle prestazioni” il relativo SAL e conseguente autorizzazione alla fatturazione?
In assenza di detto “certificato” e/o “dichiarazione” poiché i lavori sono ancora in corso, a comprova del requisito tecnico richiesto, possono essere presentate copie delle fatture rese autentiche con i rispettivi contratti?  ...”
 
si evidenzia i seguenti chiarimenti:
 
  1. si intende CEL o atto equivalente.
  2. in assenza di quanto richiesto possono essere ritenute valide anche le fatture accompagnate dal contratto o dichiarazione di svolgimento lavori parziali.
QUESITO n. 19 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“…si richiede se un'impresa iscritta presso le White List della competente prefettura debba ugualmente presentare il modello 3 contenente dati già comunicati alla prefettura ai fini dell’ iscrizione nel predetto elenco...”
 
si evidenzia i seguenti chiarimenti:
 
Il modello 3 deve essere compilato ed allegato con gli altri documenti di gara.

QUESITO n. 20 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“…in riferimento al quesito n. 11 e in particolare al vostro chiarimento, si chiede di precisare se:
  1. anche le attività di Verifica Metrologica sui convertitori gas sia considerato requisito e quindi attività analoga.
  2. se quanto da Voi precisato sia riferito alle installazioni di convertitori gas contestuali alle attività di piping e quindi di modifica impianto o anche alle sole attività di montaggio del convertitore e arruolamento al sac...”
si evidenzia i seguenti chiarimenti:
  1. L’attività di verifica metrologica su convertitore, non prevedendo di norma la sospensione della fornitura del gas al punto di riconsegna del cliente finale, non può essere riconosciuta come Capacità Tecnica punto III.2.3) Lettera b) del Bando di Gara.
  2. In merito alla precisazione al quesito 17 si ritiene che soltanto l’attività relativa alla installazione di convertitori gas contestuali alle attività di piping e quindi di modifica impianto possa essere riconosciuta come Capacità Tecnica, punto III2.3) Lettera b) del bando di Gara.
QUESITO n. 21 - (inserito in data 24.11.2016)
 
Relativamente al quesito sotto riportato,
 
“…si prega di confermare che indipendentemente dai “Costi aziendali concernenti l’adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro” richiesta sull’offerta economica; venga ugualmente riconosciuto l’importo di cui alla voce 2200500500 “Oneri Sicurezza per attività contatore” per ogni singolo contatore e che quest’ultima non sia soggetta a ribasso...”
 
si evidenzia il seguente chiarimento:
 
l’importo di cui alla voce 2200500500 “Oneri Sicurezza per attività contatore” viene riconosciuto e non è soggetto a ribasso.

QUESITO n. 22 - (inserito in data 25.11.2016)
 
Relativamente ai quesiti sotto riportati,
 
“…in riferimento al fatturato specifico l’attività di agenda effettuata sui contatori gas dove sono previste le seguenti macro voci lavorative:
  • Installazione contatore gas
  • Apertura contatore gas
  • Sostituzione contatore gas non massiva
  • Assistenza all’utenza su attività contatori gas
  • Prova di tenuta su contatori gas in fase di installazione e apertura gas
può essere considerata ai fini del fatturato specifico...”
 
si evidenzia i seguenti chiarimenti:
 
Le attività sopra indicate possono essere considerate ai fini del fatturato per lavori analoghi a quelli oggetto di gara solo se contestuali alla messa in gas del contatore.
Pertanto l’attività di sola “installazione contatore gas” (senza apertura), non può essere considerato ai fini del fatturato.
 

Download





Sede Legale:
P.zza E. Mattei n° 3
50127 Firenze
Tel. 055 43801
Fax 055216390
info@toscanaenergia.it
toscanaenergia@pec.it
Sede Amministrativa:
Via Bellatalla n° 1, Loc. Ospedaletto
56121 Pisa
Tel. 050 848111
Fax 050 9711258