Ultimo aggiornamento: 06/03/2020

Responsabilità amministrativa, modello 231 e prevenzione della corruzione

Il Decreto Legislativo n. 231 dell’8 giugno 2001 ha introdotto la disciplina della Responsabilità Amministrativa delle Società; in riferimento ad essa le stesse possono essere ritenute responsabili, e quindi sanzionate, in relazione ad alcuni reati commessi o tentati nell’interesse o a vantaggio della società dagli amministratori o dai dipendenti. Tale responsabilità può venir meno se la Società, prima della commissione del fatto, ha adottato ed efficacemente attuato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati stessi e ha istituito un Organismo preposto a vigilare sul funzionamento e sull’osservanza dei modelli.
Il Consiglio di Amministrazione di Toscana Energia nel febbraio 2009 ha approvato il Modello 231 della Società, successivamente aggiornato in più occasioni al fine di recepire modifiche normative e/o dell’organizzazione aziendale; l’ultimo aggiornamento è stato approvato in data 4 marzo 2020.
Esso consta di un complesso organico di principi, regole e disposizioni funzionali alla realizzazione e alla gestione di un sistema di controllo e monitoraggio delle attività sensibili per prevenire la commissione dei reati previsti dalla citata normativa.
Il documento qui pubblicato concerne la Parte Generale di detto Modello e la sezione relativa alle misure di prevenzione della corruzione.

Del Modello 231 di Toscana Energia fa parte anche il Codice Etico della società controllante Italgas S.p.A., contenente valori e principi cui deve improntarsi l’agire della Società e di tutti i suoi dipendenti e collaboratori, valori e principi che sono di particolare importanza per l’efficienza, l’affidabilità e la reputazione aziendale. La eticità dei comportamenti di una società non è infatti valutabile solo in riferimento alla stretta osservanza delle norme di legge e dello statuto. Essa si basa sulla convinta adesione a ricercare, nelle diverse situazioni, i più elevati standard di comportamento.
Il Codice Etico definisce, pertanto, con chiarezza i valori e le responsabilità che Toscana Energia riconosce, accetta, condivide ed assume. Tra di essi, particolare attenzione è riservata anche all’impegno ad operare nel rispetto dell’ambiente, della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro e in armonia con il territorio e le sue istituzioni.
Ciò tenuto conto anche della complessità delle situazioni in cui Toscana Energia si trova ad operare, delle sfide dello sviluppo sostenibile e della necessità di tenere in considerazione le aspettative di tutti i legittimi portatori di interesse nei confronti dell’attività aziendale (stakeholder).

Di rilievo è l’istituto del whistleblowing, volto a disciplinare le segnalazioni di irregolarità o illeciti commessi da appartenenti ad un'organizzazione, in relazione al quale il Modello prevede uno o più canali che consentano di presentare segnalazioni circostanziate di condotte illecite o di violazioni del modello di organizzazione e gestione dell'ente e allo stesso tempo garantiscano la riservatezza dell'identità del segnalante.

Il Modello prevede altresì il divieto di atti di ritorsione o discriminatori nei confronti del segnalante, sanzioni nei confronti di chi viola le misure di tutela del segnalante, nonché di chi effettua con dolo o colpa grave segnalazioni che si rivelano infondate.

La sezione relativa alle misure di prevenzione della corruzione, a partire dal contesto normativo di riferimento in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza e dalla definizione di “corruzione”, definisce gli obiettivi di prevenzione della corruzione, le azioni per raggiungerli, il ruolo dell’Organismo di Vigilanza.

Il Consiglio di Amministrazione di Toscana Energia, nella seduta del 22 gennaio 2020, ha approvato la “Politica per la prevenzione ed il contrasto della corruzione”, che definisce i principi fondanti ed i comportamenti da adottarsi in ambito anticorruzione.

L'approvazione della Politica costituisce il primo passo per l'implementazione di un sistema di gestione integrato per la prevenzione ed il contrasto della corruzione conforme ai requisiti della norma internazionale UNI ISO 37001.

Sede Legale:
P.zza E. Mattei n° 3
50127 Firenze
Tel. 055 43801
Fax 055216390
info@toscanaenergia.it
toscanaenergia@pec.it
Sede Amministrativa:
Via Bellatalla n° 1, Loc. Ospedaletto
56121 Pisa
Tel. 050 848111
Fax 050 9711258